Verità e post-verità. Forme della comunicazione e costruzione di immaginari

Tra le sfide che lo scenario globale ci pone davanti, il fenomeno delle fake news si configura all’interno del dibattito pubblico come una questione particolarmente urgente e ineludibile. La produzione dell’informazione, sempre più strettamente correlata alla vertiginosa diffusione delle tecnologie informatiche e delle piattaforme social, aggiornando al XXI secolo la categoria marxiana di ‘merce’, delinea infatti un nuovo e complesso ordine, di cui la crisi attuale che investe i sistemi democratici è la più diretta espressione. Di fronte a questa trasformazione invasiva delle nostre società, tanto i saperi umanistici quanto quelli scientifici sono chiamati, oggi più che in passato, a interagire e a convergere verso un orizzonte comune per ridefinire la più radicale delle questioni: che cos’è la verità? A questo proposito, i contributi provenienti dall’ambito umanistico possono (e hanno persino il dovere di) ricoprire ancora oggi un ruolo non marginale.

Il nuovo numero di Siculorum Gymnasium si prefigge pertanto di rispondere a queste domande e anche di suscitarne, se possibile, delle altre.

  • Davvero possiamo rinunciare all’esperienza delle verità per una narrazione infinita, discontinua ed esplosa che vorrebbe superarla (post-verità)?
  • Che relazione intercorre tra la verità e la via di indagine (metodo) che si sceglie di seguire?
  • In che modo il potere-verità delle comunicazioni determina la costruzione dell’immaginario globale e orienta il consenso dell’opinione pubblica?
  • Come le scienze filosofiche e teologiche indagano sulla verità, oggi che ad esse si chiede una maggiore aderenza alla vita reale di ogni giorno?
  • E la linguistica, la letteratura, l’arte, la semiotica come possono provare a ricomporre la scissione novecentesca tra ‘segno’ e ‘referente’, che ha intorbidato per più di un secolo l’idea stessa di verità?
  • Quanto è importante, nelle discipline storico-sociali (filologia, antropologia, psicologia, storia, sociologia), l’impatto di una metodologia adeguata all’oggetto di studio per fare emergere la verità storica?
  • Come i media audio-visivi e la comunicazione digitale possono arginare la proliferazione delle fake news?
  • In che modo questo scenario rivoluziona la domanda dei cittadini di un’informazione seria, rigorosa, senza pregiudizi e condizionamenti?
  • Come cambiano le geografie e le fisionomie dei nostri territori e delle nostre città in relazione alle dinamiche che ineriscono alla verità/post-verità?
  • Gli abstract (1000 battute max) e i saggi (40.000 battute max) possono essere presentati in una lingua a scelta tra italiano, inglese, francese, spagnolo e tedesco.

    Scadenze

    • 31 agosto 2018: deadline per l’invio degli abstract;
    • 30 settembre 2018: deadline per la selezione degli abstract da parte del Comitato direttivo e del Comitato scientifico;
    • 31 dicembre 2018: deadline per l’invio degli articoli definitivi;
    • 15 febbraio 2018: fine del lavoro di revisione da parte dei revisori anonimi;
    • 1 marzo 2018: deadline per l’invio dell’articolo corretto in base alle eventuali modifiche richieste dai revisori anonimi.

    Gli abstract e gli articoli vanno inviati alla Segreteria di redazione, all'indirizzo mail: segreteriasiculorumgymnasium@gmail.com

    Siculorum Gymnasium

    A Journal for the Humanities

    ISSN: 2499-667X

    siculorumgymnasium@gmail.com